Soluzioni di arredo per interni: le scale a chiocciola

Le scale a chiocciola appoggiano direttamente sul solaio di partenza e sono caratterizzate dalla presenza di un piantone centrale che costituisce a tutti gli effetti il sostegno principale. Il piantone viene saldamente ancorato alla pavimentazione mediante la piastra che fa da base e attorno ad esso ruotano i gradini che compongono la scala.
Le scale a chiocciola possono avere forme molto diverse le une dalle altre. Ci sono scale a pianta rotonda che hanno un ingombro pari al loro diametro e quelle a pianta quadrata. In base alla forma e alla portata del lato o diametro viene calcolato il numero di gradini che la scala dovrà avere per essere sicura e funzionale. Il pianerottolo che conclude la scalinata ha una forma diversa dagli altri scalini e spesso viene definito gradino di sbarco. Le scale possono avvitarsi su se stesse girando in senso orario o antiorario a seconda delle specifiche esigenze di chi le vuole installare in casa propria.

Le origini delle scale a chiocciola

Le scale di questo tipo non sono una moderna invenzione ma hanno invece origini assai remote. Basta andare in un castello o in una fortezza medievale per rendersi subito conto di quanto questa particolare struttura di scala fosse nota e adoperata per collegare verticalmente due piani. Le scale a chiocciola sono considerate fra le costruzioni più antiche dell’architettura. Nacquero come elemento basilare per la difesa militare perché riuscivano ad offrire posizioni strategiche ai militari all’interno delle torri più alte. Tutte giravano verso destra per far si che l’assaltante avesse il muro alla sua destra salendo. In questo modo i movimenti del braccio destro da compiere per lanciare frecce o adoperare altri strumenti d’offesa venivano ostacolati. I nemici divenivano così facile bersaglio per chi si difendeva scendendo le scale. Per riuscire a scaraventare al di sotto delle scale i nemici, erano costruite rigorosamente senza parapetto.
Alla fine del XIX secolo venne meno lo scopo militare delle scale a chiocciola e si cominciarono ad adoperare per le abitazioni più lussuose, dotandole ovviamente di parapetto. Attualmente vengono adoperate sia per motivi estetici che per ridurre gli spazi d’ingombro di una comune scala in muratura.

La scala elicoidale

La scala elicoidale è una scala a chiocciola un po’ particolare. Di solito viene costruita in cemento ma sono sempre più diffuse anche quelle in legno o in ferro battuto. Possono essere sprovviste di piantone centrale e i gradini sono ancorati a fasce parallele da entrambe le parti. Questo tipo di scale è molto versatile sia per quanto riguarda l’utilizzo che le dimensioni che può avere. Il diametro minimo delle scale a chiocciola varia dai 100 ai 125 centimetri ma possono arrivare addirittura a oltre due metri di diametro a seconda dell’andamento e delle dimensioni della casa in cui vengono inserite. Hanno un aspetto molto elegante e raffinato, impreziosiscono l’ambiente con un tocco di classe e sono molto più comode da salire e da scendere delle classiche scale a chiocciola che si avvitano su se stesse.

I materiali adoperati per le scale a chiocciola

I materiali più adoperati per la realizzazione di scale interne a chiocciola sono l’acciaio, il legno, il vetro e il plexiglass, il cemento, il marmo e la ghisa. Sia nelle scale prefabbricate che in quelle fatte su misura, i vari materiali possono essere combinati fra loro creando soluzioni innovative per soddisfare le esigenze pratiche ed estetiche di chi le acquista. Si possono ad esempio realizzare strutture in cemento rese più interessanti con il fondo a mosaico, levigato o grezzo, gradini in marmo oppure in onice colorato a forma di petalo o nella classica forma rettangolare. La pedata è completamente personalizzabile: molto ambite per le case arredate in stile classico quelle in legno naturale color miele o più scuro, a contrasto con i corrimano o le ringhiere. Nelle abitazioni più moderne si tende a scegliere sempre di più il vetro trasparente colorato ma anche il plexiglass, soprattutto per una questione di contenimento dei costi. Le scale a chiocciola si prestano bene per realizzare pedate sui generis, eccentriche e particolarmente decorative.

La ringhiera e il corrimano

Le ringhiere e i corrimano vengono assemblati alternando spesso materiali diversi come marmo e ghisa, acciaio e legno. Si gioca molto con le loro forme per impreziosire ancora di più le scale alternando materiali grezzi a materiali antichi recuperati. Molto in voga sono anche i corrimano realizzati in corda o in cotto da abbinare a pedate in legno pregiato di noce o di castagno. I corrimano in ottone sono quelli preferiti da chi ha interni caratterizzati da mattoni a vista: un perfetto connubio di colori che rende unico, caldo e accogliente tutto l’ambiente. Sicuramente le scale a chiocciola con corrimano o ringhiera in marmo hanno costo elevato visto il prezzo del materiale in questione. Se poi il marmo è particolare e presenta venature decorative sarà ancora più costoso.

Scale a chiocciola in ghisa

Le scale a chiocciola in ghisa hanno un impatto visivo importante: danno un senso di sicurezza e stabilità a prima vista. Sono semplici da mantenere sempre perfettamente pulite e possono essere acquistate anche in kit pronti da montare. La ghisa infatti si presta bene per realizzare strutture modulari da regolare in altezza a seconda delle proprie specifiche esigenze. Le colonnine spesso decorate con motivi geometrici o floreali rendono questo tipo di scale particolarmente bello da vedere se inserito però in un contesto abitativo prettamente classico.

Vantaggi e svantaggi delle scale a chiocciola

L’impiego della scala a chiocciola è sempre più diffuso: aiuta a ridurre l’ingombro della scala e riduce i tempi di montaggio, abbattendo così anche i costi relativi alla manodopera. Le scale a chiocciola alleggeriscono visivamente gli interni rendendoli più ariosi e meno cupi. Grazie alla varietà di materiali con i quali vengono realizzate, c’è la possibilità di abbinare perfettamente lo stile dell’arredamento con quello della scala per creare un piacevole effetto d’insieme.
Possono essere inserite anche negli ambienti più angusti, laddove non c’è lo spazio necessario per installare una scala lineare o sospesa. Solitamente le scale a chiocciola hanno un costo inferiore a quelle in muratura ed è possibile reperirle anche di tipo modulare.
Le scale a chiocciola però presentano anche qualche svantaggio che è necessario conoscere. Sono più ripide rispetto alle scale in muratura e potrebbero mettere in difficoltà persone anziane o bambini nel salirle e scenderle quotidianamente. Rendono inoltre molto difficoltosa la movimentazione di mobili o altre cose ingombranti da un piano all’altro.

Questo elemento è stato inserito in Blog. Aggiungilo ai segnalibri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *